Almeno venti anni fa era già evidente che, per partecipare da protagonista nella globalizzazione, l’Unione europea doveva diventare “più grande” come popolazione, mercato e Pil e “più profonda” e cioè “più forte” come assetto istituzionale e rappresentanza politica. Si è allora aperto il dibattito su «allargamento» e/o «approfondimento» (widening, deepening).
Fino al 1995 l’Unione europea aveva 12 membri, oggi è partecipata da 28 Stati. L’«allargamento» è quindi avvenuto.
Sul fronte dell’«approfondimento» si è fatto l’euro, ma gli altri passi sono stati piccoli e lenti. Non abbiamo tuttora l’Unione bancaria e siamo ben lontani da un bilancio federale europeo, rimanendo con quello intergovernativo pari all’1% del Pil contro il 25% del bilancio federale americano…

Clicca qui per leggere tutto l’articolo del Presidente Mario Baldassarri