SIPI
Marzo 1990 – Fasciolo V
Rivista di Politica Economica

Lo sviluppo economico italiano degli ultimi decenni, tumultuo-so e per molti aspetti contradditorio, ha avuto come protagonista la crescita, e il consolidamento, di un apparato industriale che si èormai stabilmente inserito tra le prime cinque o sei posizioni nel mondo e che, pur con rischi e difficoltà, è sempre stato il perno centrale dell’economia nazionale. In sintesi, è in questo periodo che l’Italia diventa una forte e moderna economia industriale.

Ci sembra quindi interessante ripercorrere alcune delle basi portanti di questo sviluppo non solo per meglio comprendere la ((grande corsa)) ed i successi di questi decenni, ma anche per

evidenziare gli errori, i limiti, le difficoltà, le sconfitte. E ciò soprat-tutto al fine di contribuire all’individuazione del «posizionamento strategico»dell’industria e della politica industriale italiana e quindi dei rischi e delle potenzialità che esse hanno in questo inizio di anni ’90 di fronte ad un quadro di mutamenti radicali. Competitività internazionale e speciaiizzazioni produttive, nell’ambito di una pro- gressiva integrazione economico-finanziaria internazionale, alimen-tano infatti opportunità e rischi, sia in relazione alle prospettive che derivano in senso orizzontale dai nuovi rapporti est-ovest, sia rispet-to alle crescenti contraddizioni tra nord e sud del mondo…continua a leggere

Clicca qui per scaricare il libro